Review: Credence

di Penelope Douglas

Review: Credence

synopsis

 

A Tiernan de Haas non le importa più di niente. Figlia unica di un produttore cinematografico e di una stella del cinema, è cresciuta tra ricchezza e privilegi ma senza amore o una guida. Spedita in collegio fin dalla tenera età, per lei era impossibile sfuggire alla solitudine e riuscire a ritagliarsi una vita tutta sua. L’ombra della fama dei suoi genitori l’ha seguita ovunque.

E quando muoiono all’improvviso, lei sa bene che dovrebbe essere devastata. Ma è cambiato veramente qualcosa? Non è sempre stata sola?

Jake Van der Berg, il fratellastro di suo padre e suo unico parente in vita, assume la tutela di Tiernan a cui restano ancora due mesi per compiere diciotto anni. Mandata a vivere con lui e i suoi due figli, Noah e Kaleb, nelle montagne del Colorado, Tiernan apprende presto che questi uomini hanno voce in capitolo su tutto ciò di cui lei sceglie di preoccuparsi o no. Mentre loro tre la prendono sotto la loro ala, le insegnano a lavorare e sopravvivere nei boschi lontani dal resto del mondo, lei lentamente trova il suo posto tra loro.

E come parte di loro.

E si rende anche conto che le linee si confondono e diventa facile infrangere le regole quando nessun altro sta guardando.

Uno di loro la possiede.

L’altro la vuole.

Ma lui…la terrà.

 

Versione originale

 Tiernan de Haas doesn’t care about anything anymore. The only child of a film producer and his starlet wife, she’s grown up with wealth and privilege but not love or guidance. Shipped off to boarding schools from an early age, it was still impossible to escape the loneliness and carve out a life of her own. The shadow of her parents’ fame followed her everywhere.

And when they suddenly pass away, she knows she should be devastated. But has anything really changed? She’s always been alone, hasn’t she?

Jake Van der Berg, her father’s stepbrother and her only living relative, assumes guardianship of Tiernan who is still two months shy of eighteen. Sent to live with him and his two sons, Noah and Kaleb, in the mountains of Colorado, Tiernan soon learns that these men now have a say in what she chooses to care and not care about anymore. As the three of them take her under their wing, teach her to work and survive in the remote woods far away from the rest of the world, she slowly finds her place among them.

And as a part of them.

And she also realizes that lines blur and rules become easy to break when no one else is watching.

One of them has her.

The other one wants her.

But he…

He’s going to keep her.

Language
English

Connect with Penelope Douglas

This post contains affiliate links, meaning I’ll receive a small commission should you purchase using those links. All opinions expressed are my own. I receive no compensation for reviews.

Sometimes the clouds aren’t enough. We need the whole damn storm

Credence non è una storia adatta a tutti. Sicuramente non è una storia adatta ai moralisti deboli di cuore né una storia che possa essere facilmente classificata. Non è un New Adult nel senso tradizionale e convenzionale del termine. Credence è senza ombra di dubbio un vero e proprio esercizio di stile da parte di Penelope Douglas, che spinge il piede sull’acceleratore, abbandonando ogni freno inibitore e consacrando con questo romanzo le sue qualità di scrittrice. È una storia proibita e ricca di suspense che va indubbiamente affrontata con la mente aperta e libera da ogni preconcetto.

But then you realize you’re the only one who fits there in that small world, and being alone feels worse than not feeling safe

Tiernam de Haas è il prodotto di un folle e tragico amore shakespeariano. Due genitori talmente presi l’uno dall’altra fino al punto di escludere la loro unica figlia.
Rimasta orfana Tiernam si ritrova a trascorrere i mesi che la separano dalla maggiore età a casa del fratellastro del padre, Jake Van der Berg, in compagnia dei suoi due bellissimi figli, Kaleb e Noah.

We were forced together and shit happened. My only wrong-step was falling in love with one of them.

Penelope Douglas mette in guardia i suoi lettori fin dalla sinossi: “Uno di loro la possiede. L’altro la vuole. Ma lui… la terrà.” Una sinossi che non lascia spazio a fraintendimenti. Tre uomini collegati alla protagonista da vincoli di sangue e tutti e tre interessati a lei. E come se questo non fosse sufficiente la Douglas trasporta il lettore in Colorado, nel mezzo delle montagne rocciose, tra foreste e picchi innevati, creando l’atmosfera perfetta. Un luogo isolato dal resto del mondo, avvolto dal silenzio della neve, dove per sei lunghi mesi nessuno può arrivare e nessuno può andare via. In questa ambientazione degna di un film di Kubrick la Douglas permette al lettore di sentirsi lui stesso nascosto dal resto del mondo insieme ai protagonisti, in una situazione al di fuori di ogni regola e dove tutto sembra lecito e permesso.

Sometimes people have to make their own mistakes and feel the pain

Una storia scioccante e controversa. Ma allo stesso tempo accattivante e coinvolgente. Un vero e proprio esperimento di psicologia umana tra persone che danno libero sfogo ai loro sentimenti e alle loro paure senza inibizioni né preconcetti.

Una storia ad elevato tasso erotico, voluttuosa e non adatta a tutti i palati. La Douglas mette alla prova la morale comune distruggendo ogni convenzione. Leggere Credence è un vero atto di fede nei confronti di questa autrice. Pertanto, chi è pieno di pregiudizi è bene che stia alla larga da questo romanzo perché potrebbe incorrere in una lettura che è in grado di far storcere il naso a molti.

Ma per tutti quelli che hanno voglia di testare la propria moralità, che vogliono uscire dalla loro “comfort zone”, per tutti quelli che desiderano spingersi fino al limite del proibito, allora Credence è la lettura perfetta. Un libro che farà sicuramente discutere e parlare di sé molto a lungo. Perché quando la neve inizia a cadere e tutto il resto del mondo è tagliato fuori, quando non ci sono occhi esterni che osservano e giudicano, chi può dire cosa è giusto e cosa è sbagliato se non la tua coscienza?

Vanessa

ARC provided in exchange for a completely honest review. 

Buy it on Amazon

Release Date
14 Gennaio 2020

Category
New Adult/Romance

Editore
Self Published

2 Commenti
  • Angela Alboreo
    Pubblicato alle 10:23h, 23 Gennaio Rispondi

    Oh mio Dio! Adoro la tua recensione e non vedo l’ora di leggerlo. Non mi sono ancora approcciata alla scrittura di Penelope Douglas in lingua OV. Sai dirmi qualcosa in merito? Tra le autrici che ho letto in inglese ci sono Corinne Michaels, Colleen Hoover, Molly Sloan, Jodi Ellen Malpas. Alcune le ho provate a leggere, ma trovo difficoltà perché usano un inglese più elaborato 🙂

    • Vanessa
      Pubblicato alle 14:12h, 23 Gennaio Rispondi

      Ciao Angela, grazie sono felice che ti sia piaciuta. La Douglas purtroppo ha una scrittura non semplice perchè usa molto slang e ha una costruzione delle frasi a volte difficile da comprendere se non si è soliti leggere in inglese. La Hoover e la Michales sono molto più facili da leggere. Ti consiglio comunque di provare, magari puoi leggere prima in inglese un suo libro già pubblicato in italiano così ti eserciti e familiarizzi con la sua scrittura e poi puoi provare a leggere credence! fammi sapere. un bacio

Pubblica un commento